VASK Ticino – Associazione dei familiari e amici delle persone con disagio psichico

Art. 1
Con il nome “VASK Ticino: Associazione dei familiari e amici delle persone con disagio psichico” è costituita un’associazione apartitica e aconfessionale secondo gli articoli 60 segg. del CCS.
La sede dell’Associazione è presso il domicilio del presidente.
Il Comitato stabilisce eventuali altri recapiti.

Art. 2 Scopo
Scopo dell’associazione è la promozione d’ogni azione atta a migliorare la situazione dei familiari di persone con disagio psichico.
In particolare:

Facilitare i contatti e lo scambio d’esperienze fra i diversi familiari.
– Offrire una consulenza ai familiari.
– Contribuire al miglioramento della cura, assistenza e reinserimento delle persone con disagio psichico.
– Sensibilizzare l’opinione pubblica sulle malattie psichiche e le sue problematiche.
– Estendere l’informazione con pubblicazioni o conferenze.
– Creare contatti con le autorità preposte e con gli specialisti operanti in questo campo.
– Collaborare con altre istituzioni che perseguono i medesimi scopi.

Art. 3 Membri
L’associazione è composta da membri individuali, membri collettivi (persone giuridiche) e membri onorari.
L’assemblea generale, su proposta del Comitato, può conferire il titolo di membro onorario a persone resesi benemerite per gli scopi o nei confronti dell’associazione.
Il comitato decide circa l’accettazione dei nuovi membri.
L’assemblea generale stabilisce la quota sociale annua su proposta del comitato; i membri onorari sono dispensati dal versamento della quota sociale.
Le dimissioni, da presentare entro fine settembre, hanno effetto con la fine dell’anno in cui sono presentate.
Il Comitato può stralciare dall’elenco soci i membri che, dopo un richiamo, non hanno versato la quota sociale per due anni consecutivi.
L’assemblea ha la competenza di privare della qualità di membro chiunque tenga un comportamento in contrasto con gli obiettivi dell’associazione.

Art. 4 Mezzi
I Mezzi finanziari dell’associazione sono costituiti da:
– Contributi ordinari annuali dei singoli soci.
– Contributi privati e/o pubblici.
– Elargizione di persone fisiche o giuridiche.
– Ogni altra fonte.

Art. 5 Responsabilità
L’associazione risponde solo con il proprio capitale per le obbligazioni nei confronti di terzi.
È esclusa qualsiasi responsabilità dei soci.

Art. 6 Organizzazione
Gli organi dell’associazione sono:
– Assemblea dei soci
– Comitato
– Commissioni e i gruppi di lavoro
– Ufficio di revisione.

Art. 7 Assemblea : a) definizione e convocazione
L’assemblea è l’organo superiore dell’associazione e si compone di tutti i soci di cui all”art. 3.
L’assemblea ordinaria è convocata dal comitato esecutivo una volta l’anno, 15 giorni prima dell’adunanza, con l’indicazione degli argomenti all’ordine del giorno.
Le Assemblee straordinarie possono essere convocate dal comitato di propria iniziativa o su richiesta di almeno 1/5 dei membri attivi.
Nelle assemblee generali, ordinarie e straordinarie, possono essere trattati tutti gli argomenti che interessano l’Associazione, deliberando soltanto su quelli posti all’ordine del giorno.

Art. 8 b) Competenze
L’assemblea:
– Nomina il presidente ed i membri del comitato e dell’ufficio di revisione.
– Approva lo statuto e le sue modifiche.
– Approva i conti annuali ed il rapporto dei revisori.
– Vigila sull’attività degli altri organi dell’associazione.

Art. 9 c) Diritto di voto
Ogni socio ha diritto ad un voto
Le decisioni sono prese a maggioranza dei voti dei soci presenti.

Art. 10 Comitato a) definizione
Il comitato dell’associazione è composto da almeno cinque persone compreso il presidente.
I membri sono nominati per un periodo di due anni e sono rieleggibili.
Il Comitato designa, al suo interno, il vicepresidente, il cassiere e il segretario.

Art. 11 b) Competenze
Il comitato cura gli interessi dell’associazione e la rappresenta nei confronti dei terzi.
Esso si riunisce secondo necessità e su convocazione del presidente o di due membri del comitato.
Designa i membri dei gruppi di lavoro specifici e ne definisce le competenze.
L’associazione è vincolata dalla firma collettiva a due di un membro del comitato con il presidente o il vicepresidente.
Al comitato spetta ogni competenza non demandata ad altro organo dell’associazione.

Art. 12 Ufficio revisione
L ‘ufficio di revisione si compone di due membri più un supplente. Essi sono nominati per un periodo di due anni e sono rieleggibili.
Esso esamina i conti annuali dell’associazione e redige il relativo rapporto all’attenzione dell’assemblea.

Art. 13 Gruppi di lavoro e Commissioni
Il Comitato, nomina i membri di Commissioni o di Gruppi di lavoro ai quali, temporaneamente o in modo permanente, sono affidati compiti precisi.

Art. 14 Scioglimento
L’assemblea è competente per pronunciare lo scioglimento dell’associazione.
In tal caso il patrimonio dell’associazione sarà devoluto ad un ente designato dall’assemblea, avente scopi simili a quelli dell’associazione.

Per quanto non regolato del presente statuto si applicano gli articoli 60 segg. Del CCS.

Il presente statuto è approvato dall’Assemblea tenutasi a Lugano il 29 ottobre 2002


STATUTO VASK SVIZZERA

Fondazione della VASK Svizzera
Sabato 20 giugno 1998

Aggiustamenti
Sabato 14 aprile 2007

Aggiustamenti
Sabato 16 Maggio 2009
(Articolo 4)

Aggiustamenti
Mercoledì 1 luglio 2009
(nomina di un nuovo presidente)

Modifiche dello statuto
Sabato 5 maggio 2012

Modifiche dello statuto
Sabato 4 maggio 2013

Per rendere più facile la leggibilità nel testo di questo statuto viene utilizzata solo la forma maschile. La forma femminile è naturalmente sempre inclusa.

I. Nome, sede e scopo

Articolo 1 / Nome, sede

Sotto il nome di “associazione delle organizzazioni dei familiari dei malati di mente” (VASK Svizzera) si intende un’associazione senza scopo di lucro ai sensi dell’art. 60 e seguenti del Codice civile svizzero. Il presidente determina l’indirizzo VASK. L’associazione è politicamente e religiosamente indipendente. L’ associazione non ha alcun potere direttivo sulle organizzazioni cantonali o regionali. Le eccezioni sono regolate in questo statuto.

Articolo 2 / Scopo

La VASK Svizzera si assume e supporta i seguenti compiti (funzioni):

1. salvaguardare gli interessi dei familiari di persone con disturbi psichici

2. Rappresentare la VASK in organismi nazionali e internazionali

3. Sostenere le organizzazioni cantonali o regionali attraverso:
– il coordinamento delle azioni
– il cofinanziamento di progetti e azioni condotte per conto della VASK Svizzera
– la compilazione di documentazioni
– il sostegno e l’assistenza nella fondazione di nuove organizzazioni

4. Presa di contatto con gli esperti di psichiatria e con le autorità

5. mantenere le relazioni con i media e con il pubblico (pubblicazioni, conferenze, convegni) attraverso:
– la presentazione delle organizzazioni VASK
– la destigmatizzazione delle persone con disturbi psichici e dei loro familiari
– la promozione del dialogo a tre in psichiatria
– la promozione della ripresa in psichiatria

II. Membri

Articolo 3

I membri di VASK Svizzera sono organizzazioni cantonali o regionali con il nome VASK.
In casi eccezionali, l’organizzazione continua ad usare il suo nome iniziale ed utilizza nei suoi atti ufficiali la qualifica “membro della VASK Svizzera”.

Organizzazioni di familiari con finalità analoghe (di cui all’articolo 2) possono essere registrate come membri solidali senza diritto di voto nella VASK Svizzera.

La richiesta di adesione deve essere presentata per iscritto. L’assemblea dei delegati della VASK Svizzera decide riguardo alle richieste di adesione come anche riguardo eventuali esclusioni.

Articolo 4

Le risorse finanziarie necessarie per il perseguimento degli scopi dell’associazione sono costituite da:
– Quote associative
– Contributi da membri solidali
– Donazioni di benefattori e donazioni di istituzioni ed aziende.

Ogni VASK cantonale o regionale paga annualmente i seguenti contributi a seconda del numero di membri:
Contributo di base di SFr. 150.0
Più SFr. 1.0 per ogni membro

Le spese dell’associazione sono proporzionalmente a carico dei membri con diritto di voto. Questo contributo è dovuto in aggiunta alle quote associative ed è calcolato in base al numero dei membri delle singole organizzazioni, definito con i seguenti criteri:

I singoli membri, i benefattori, le aziende contano come un membro. I componenti di una coppia o i componenti di una famiglia contano come due membri.
Per il calcolo dei contributi delle singole associazioni è determinante il numero dei membri al 31 Dicembre per l’anno successivo.

Membri solidali senza diritto di voto versano un contributo minimo di SFr. 250.-

Per gli obblighi dell’associazione è garante solo il capitale dell’associazione stessa, ad esclusione della responsabilità personale dei singoli membri.

III. Organi

Articolo 5

Gli organi dell’associazione sono:
– L’assemblea dei delegati
– Il consiglio direttivo
– I revisori
– La conferenza dei presidenti

Articolo 6

L’assemblea dei delegati è composta da 2 delegati per ogni VASK cantonale o regionale. Associazioni con più di 200 membri hanno il diritto di lasciarsi rappresentare da 3 delegati e quelle con più di 400 membri da 4 delegati (etc.).

L’assemblea dei delegati ha i seguenti poteri:

a) Elezione del consiglio direttivo e del presidente
b) Elezione dei revisori dei conti
c) Approvazione della relazione annuale
d) Approvazione del rendiconto finanziario annuale
e) Determinazione delle quote associative
f) Approvazione del bilancio
g) Modifiche dello statuto
h) Decidere in merito alle varie mozioni
i) Accettazione di nuove VASK cantonali o regionali
j) Accettazione di membri solidali senza diritto di voto
k) Espulsione di membri

Ogni anno ha luogo un’assemblea ordinaria dei delegati.
Le assemblee straordinarie sono tenute quando il consiglio direttivo ritiene necessaria la loro convocazione o quando un quinto dei delegati lo richiede.

L’Assemblea dei delegati delibera e fa le scelte che le competono con voto palese a maggioranza assoluta fatto salvo l’articolo 10. Se in caso di elezioni, è necessario un secondo scrutinio vengono dichiarati eletti quelli che hanno ricevuto il maggior numero di voti.

Per quanto riguarda affari e elezioni lo scrutinio è segreto, se così viene deciso dall’Assemblea, su richiesta del consiglio direttivo o di un suo delegato.

L’invito all’ assemblea dei delegati deve includere l’ordine del giorno e deve essere recapitato ai membri almeno 10 giorni prima della data fissata per l’assemblea. Riguardo ad affari che che non sono elencati nell’ordine del giorno si possono prendere decisioni solo se precedentemente l’Assemblea ha deciso così con una maggioranza dei due terzi dei delegati votanti.

Articolo 7

Il consiglio direttivo è composto da almeno 5 membri, che siano preferibilmente membri di una organizzazione di familiari cantonale o regionale.

Le tre maggiori organizzazioni regionali (in base al numero dei membri) devono essere rappresentate nel consiglio direttivo.

L’assemblea dei delegati elegge / conferma annualmente il Presidente e tutto il consiglio direttivo. Per il resto si costituisce da sè.

Se un membro del consiglio direttivo lascia il consiglio, deve essere trovato un sostituto su cui i delegati siano d’accordo fino alla prossima assemblea.

Il consiglio direttivo prende le sue decisioni con la maggioranza dei voti dei membri presenti con l’aggiunta del voto determinante del presidente.

Il consiglio direttivo può deliberare se almeno 3 membri sono presenti.

Il consiglio direttivo regola la corresponsione di compensi forfettari e il rimborso delle spese per iscritto in un documento interno.

L’importo massimo dei compensi forfettari è approvato dall’assemblea dei delegati.

Articolo 8

Il consiglio direttivo gestisce gli affari correnti. Ha tutti i poteri che non sono riservati per legge o statuto ad un altro organo.
Il consiglio sviluppa progetti in collaborazione con la conferenza dei presidenti e di regola crea gruppi di lavoro preposti a questo scopo.

Il consiglio direttivo definisce i punti chiave della VASK Svizzera in collaborazione con la conferenza dei presidenti.
Il consiglio direttivo mantiene una sede con una segreteria e può chiedere il parere di esperti.

Articolo 9

Il presidente o un rappresentante nominato dal consiglio direttivo sono responsabili giuridicamente per l’associazione.
Il mandato del tesoriere per le operazioni postali o bancarie come anche gli esborsi in contanti dei membri del consiglio d’amministrazione vengono regolati separatamente.

IV. Modifiche dello statuto e scioglimento

Articolo 10

L’Assemblea dei delegati può decidere modifiche statutarie con una maggioranza dei due terzi dei membri aventi diritto al voto presenti. Il cambiamento dello scopo dell’associazione e la decisione di sciogliere la VASK Svizzera richiedono una maggioranza dei quattro quinti dei membri votanti.

Articolo 11

In caso di scioglimento della VASK Svizzera l’assemblea dei delegati decide con una maggioranza semplice l’uso di tutti gli attivi in accordo con la finalità dell’associazione.

Questo statuto è stato approvato nell’assemblea di fondazione il 20 giugno 1998 a Zurigo. Le ultime modifiche dello statuto sono state approvate nell’assemblea dei delgati del 4 maggio 2013 a Coira.

Basilea, 4 MAGGIO 2013
Per il consiglio direttivo il vicepresidente:

Armin Spühler

Membri fondatori dell’associazione delle organizzazioni dei familiari dei malati di mente (VASK Svizzera):

VASK Argovia – Casella postale, 5415 Nussbaumen
VASK Berna – Casella postale 8704, 3001 Berna
VASK Glarus – PO Box 864, 8750 Glarus
VASK Grigioni – Casella postale, 7208 Malans
AFS VASK Jura-Neuchatel – Rue de la Gare 9, 2502 Bienne
Assoc. Le Relais Genève – Rue des Savoises 15, 1205 Genève
VASK Luzern – PO Box 128, 6210 Sursee
VASK Svizzera orientale – PO Box 1530, 9102 Herisau
VASK Zurigo – Langstrasse 149, 8004 Zurigo

Glossario: Il nome VASK (Associazione dei familiari dei malati di schizofrenia) è cambiato in VASK (associazione dei familiari dei malati di mente).

Chi siamo
Sapevate che …
…nel mondo – come anche in Svizzera – circa l’1 % della popolazione soffre die un disturbo psichico di tipo schizofrenico indipendentemente dalla provenienza culturale, dalla classe sociale, dall’ambiente in cui vive, dall’educazione ricevuta e così via. Per questo motivo questa malattia è oggetto di intensi studi in tutto il mondo.
…sulla base di questi studi noi dobbiamo partire dal presupposto che und quarto della popolazione adulta nel corso di un anno soffre di una malattia psichica che richiede un trattamento. Nel corso di cinque anni la percentuale di questa popolazione può crescere fino a un terzo. Gli scienziati prevedono che la percentuale dei malati di mente è destinata a salire ancora. Questo anche perché sempre più giovani soffrono di disturbi psichici. A tutti noi può capitare che l’espletamento degli atti della nostra vita quotidiana venga ostacolato da una malattia o da un incidente permanentemente o temporaneamente!
Chi siamo
Siamo genitori, partner, fratelli, sorelle e figli di persone con una malattia mentale. Durante la crisi, siamo noi familiari le persone più vicine cui fare riferimento. Per questo ci sentiamo spesso sopraffatti e lasciati soli.
Come siamo organizzati
Associazioni di cittadini per la promozione dell’aiuto-aiuto esistono a livello cantonale / regionale già dal 1985. Per fare in modo che questa questione venisse trattata in maniera equanime in tutta la Svizzera nel 1998 è stata fondata l’associazione ombrello VASK Svizzera. Membri della VASK Svizzera sono le associazioni regionali e cantonali che però lavorano autonomamente.
Aggiornato il 3 agosto 2016